M-Review: Sabotage

Sabotage

Da quando è tornato alla recitazione dopo il suo periodo da Governatore della California, il buon Schwarzy ha inanellato un flop dietro l’altro. Il punto è che questo non è avvenuto con film brutti, ma con degli action degni di tale nome (come The Last Stand o Escape Plan), che gli amanti del genere hanno apprezzato, ma che il grande pubblico ha invece evitato. Sì, a quanto pare il tipo di spettatori che va al cinema di questi tempi è cambiato tantissimo dagli anni ’80 e ’90 e certi action movie duri e puri, con budget moderati, senza troppi effetti speciali, hanno molte più chance di spuntarla sul mercato casalingo. In Sabotage, l’ex-Terminator è a capo di un team della DEA specializzato nella lotta ai trafficanti di droga. Spariscono 10 milioni di dollari, l’intero squadrone viene sospeso per qualche tempo per poi tornare in attività ma a un certo punto, i suoi membri cominciano a morire uno a uno, in modi piuttosto macabri.

Arnold ne è il protagonista indiscusso, affiancato da parecchi volti noti televisivi come Joe Manganiello (True Blood), Josh Holloway (Lost), Mireille Enos (The Killing), Harold Perrineau (Lost) e Max Martini (Revenge), oltre a Terrence Howard (Iron Man), Olivia Williams (Il Sesto Senso) e un irriconoscibile Sam Worthington (Avatar). Il regista David Ayer ha invece tirato fuori alcuni dei polizieschi più interessanti e senza fronzoli degli ultimi anni, come End of Watch e Street Kings. Per sua fortuna, Sabotage prova a essere qualcosa di più di un semplice action movie. Certo, la base è quella, poi ci sono echi di Predator, per quanto il nemico sia qualcosa di concreto e non qualche creatura fantascientifica, mischiati a una struttura alla Dieci Piccoli Indiani. Ma è proprio questa sovrastruttura thriller a causare i maggiori problemi al film: ci sono troppi buchi di sceneggiatura, troppe cose inspiegate, che distolgono l’attenzione da quelli che sono i punti di forza. Il cast è davvero solido e ben affiatato, con interpretazioni molto valide (Worthington ed Enos in particolare), Ayer mostra una mano molto sicura nelle sequenze d’azione, sangue e sbudellamenti non ci vengono risparmiati, ma il WTF vige sovrano appena la trama cerca di mettersi in moto, con un finale che tocca vette di implausibilità piuttosto elevate. Da noi, Sabotage uscirà in home video il 17 settembre, saltando direttamente i cinema, visto il flop detonante scontato al botteghino americano. La visione casalinga ci sta tutta, ma sappiate che si tratta di un film abbastanza mediocre, nel complesso.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *