M-Review: Insidious 2

Insidious2

James Wan è un regista che, nella sua ormai decennale carriera hollywoodiana, è riuscito a inanellare una serie quasi ininterrotta di successi. Certo, se i budget non superano mai, nella maggior parte dei casi, i 5 milioni di dollari, floppare diventa davvero difficile: la realtà è che tutti i film del cineasta australiano, tra tutto, si sono portati a casa in media un centinaio di milioni l’uno, cifra assolutamente ragguardevole di questi tempi. Insidious 2 (no, non vi citerò l’orrido titolo italiano che salta fuori all’inizio e alla fine con grafiche degne di un horror degli anni ’60) è il secendo lavoro di Wan a uscire quest’anno dopo il solido L’Evocazione, acclamato dalla critica e apprezzato dal pubblico, anche perché si tratta di uno dei migliori horror dell’ultimo ventennio. La storia di questo secondo episodio è la diretta prosecuzione di quella del primo, uscito due anni fa, con spiriti maligni che continuano a tormentare la famiglia Lambert.

La bravura di Wan sta nel dosare accuratamente la suspense lungo tutta la durata del film, in modo da creare un crescendo di paura ed emozioni che riesce a colpire anche i più razionali davanti allo schermo. Non si salta mai sulla sedia, ma si prova quella sensazione di inquietudine sempre maggiore che sfocia poi nel terrore. Ogni inquadratura e ogni movimento di macchina sono misurati per suscitare, con successo tra l’altro, una certa reazione nello spettatore. Wan è un vero maestro dell’horror e questa sua bravura gli permette di celare con maestria il fatto che la sceneggiatura vada a capocchie abbastanza presto, risultando sempre più assurda e insensata col passare dei minuti, un po’ come quelli che riuscivano a prendere voti alti a scuola nei temi di italiano pur andando fuori tema. Patrick Wilson, Rose Byrne e Barbara Hershey sono tre eccellenti protagonisti, ma è soprattutto il piccolo Ty Simpkins a cavarsela egregiamente. Come avrete capito, il film mi è piaciuto, anche se in certi momenti il “ma cos’è sta cazzata” esce del tutto spontaneo. Mi spiace molto che Wan abbia deciso di abbandonare il genere per dedicarsi al nuovo Fast & Furious, in uscita nel 2014, ma conto che torni a occuparsi della sua prima passione nel giro di qualche anno.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *