M-Review: 20 Anni di Meno

20AnnidiMeno

La capacità del cinema francese di sfornare film perfetti per essere portati sui mercati internazionali è nota ormai da tempo. Personalmente, a differenza di molti, la ritengo davvero un’ottima cosa, anzi, mi piacerebbe che altri paesi europei (soprattutto noi italiani), seguissero l’esempio. 20 Anni di Meno è un film che, in un’eventuale versione americana, sarebbe perfetto per una Katherine Heigl (che forse è ancora troppo giovane) o una Heather Graham (l’età è giusta, il fisico da stragnocca pure). La storia è quella di una redattrice di un settimanale fashion, anal-retentive, divorziata e con una figlia, che continua a vedersi surclassata dalle colleghe. Dopo aver incontrato per caso, sull’aereo di ritorno da un viaggio di lavoro, un giovane universitario che le sbava dietro, decide di fingere di essere interessata a lui, per apparire più interessante agli occhi del suo capo e far rifiorire la propria carriera. Non vi sto a dire come va avanti perché lo capite pure voi (non è di certo la trama il punto di forza del film, è abbastanza chiaro).

Diretto dallo specialista in film horror David Moreau, regista del remake americano di The Eye e dell’ottimo Them, il film è una commedia modernissima, ricca di situazioni divertenti e riferimenti all’attualità, che riesce a gestire la situazione MILF-ragazzo in maniera tutt’altro che volgare e senza mai scadere nel banale. Come detto prima, a far da contraltare a una trama abbastanza prevedibile sono una sceneggiatura ricca di battute frizzanti, una regia funzionale allo scopo e le due ottime interpretazioni dei protagonisti: l’attrice belga Virgine Efira (che di anni ne ha 36 ed è davvero una gnocca stratosferica), bellissima e bravissima, e il giovane Pierre Niney, attore brillante e con una probabile fulgida carriera davanti a sé. In soldoni, il film mi ha divertito molto e averlo recuperato nella settimana della Festa del Cinema, a soli 3 Euro, è stato davvero un affare, anche se è giusto dire che non mi sarebbe dispiaciuto nemmeno pagando a prezzo pieno. Promosso, senza dubbio.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *