M-Review: I 2 Soliti Idioti

2SolitiIdiotiHeader

Poco più di un anno fa mi ero espresso favorevolmente su I Soliti Idioti. Vuoi per l’effetto novità al cinema, vuoi perché gli episodi televisivi non mi avevano mai suscitato molto interesse, ma mi ero divertito un sacco. Inutile dire che, complici gli ottimi incassi, il produttore Pietro Valsecchi, lo stesso dei vari Distretto di Polizia, R.I.S. e dei film di Checco Zalone, ha deciso di battere il ferro finché è caldo e di dare il via alla produzione di un sequel, collocandone l’uscita a Natale, per approfittare dell’assenza del classico cinepanettone. Il problema è che, però, I 2 Soliti Idioti sembra aver assorbito tutta la volgarità dei film con De Sica e compagnia bella, oltre ad aver perso quasi completamente la freschezza che caratterizzava l’originale. Ma c’era da aspettarselo, perché imbastire un nuovo film in così poco tempo è cosa alquanto difficile. L’utilizzo di una vera e propria storia principale poteva essere il perfetto antidoto alle battute poco ispirate, quasi sempre ripetizioni dei celebri tormentoni (con aggiunta di ulteriori volgarità), ma la messa in scena risulta davvero disastrosa.

Sono piacevoli i sottotesti riferiti all’attualità, con la contrapposizione tra un Ruggero De Ceglie figlio del berlusconismo e il professore interpretato da un Teo Teocoli più sottotono che mai (colpa della sceneggiatura), sosia quasi speculare di Mario Monti. Funzionano le parti metafilmiche (girate all’UCI Cinemas di Assago, che frequento spesso durante l’anno) con Patrick, Alexio e i loro “Minchia boh“, “Figa oh“, “Ammazzati” e via dicendo, come va lodata la totale mancanza di buonismo e di conciliazione in qualsiasi momento (esistono pochi personaggi cattivi, amorali e bastardi quanto Ruggero De Ceglie, ricordatelo). Il problema è che non funziona tutto il resto, nemmeno le forti strizzate d’occhio a Karate Kid e Lost, citazioni che si perdono nel marasma generale. Mandelli e Biggio danno come sempre il loro meglio, ma il materiale che devono recitare (scritto da loro, tra l’altro) non li aiuta. Quella che ne esce meglio, per simpatia e per la bellezza da ragazza della porta accanto, unita a un fisico burroso ed esplosivo, è la solita Miriam Giovanelli. Mi ero già sperticato in lodi sulle qualità fisiche della ragazza parlando di quella schifezza di Dracula 3D e qui mi ripeto. Tra l’altro, siccome ho l’occhio lungo, io l’avevo notata anni fa in una commedia spagnola intitolata Mentiras y Gordas (gli ultimi tre link sono NSFW, attenti) e le avevo previsto un futuro roseo. Mi fa piacere che l’abbiano capito anche da queste parti. Che dire quindi? I 2 Soliti Idioti rappresenta una grossa occasione mancata, anche perché dubito che la coppia di ex-VJ di MTV abbia la possibilità di redimersi sul grande schermo con un terzo episodio a livello del primo. Delusione fortissima.

P.S.: Dovete sapere che la scena che si vede durante i titoli di coda è stata girata la scorsa estate nel parcheggio che c’è sotto il mio ufficio. Qui e qui trovate un paio di foto scattate in quell’occasione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *