Oggi Cucino Io! #24: Strozzapreti al Salmone Affumicato e Zucchine

Qualche weekend fa ho preso l’iniziativa e ho deciso di mettermi a cucinare, anche per i miei, un primo, gustoso e semplice, dall’inizio alla fine. Non ho usato pasta confezionata, ma me la sono fatta da solo. L’impasto degli strozzapreti è quanto di più facile possa esistere, io ho usato questi ingredienti:

  • 500 g di farina 0
  • 250 g di acqua

Mettete farina e acqua nell’impastatore, poi una volta creato l’impasto, fate una pallotta e ricoprite il recipiente in cui è contenuto con della pellicola, in modo che non si secchi. Tirate una sfoglia abbastanza sottile e poi con un coltello tagliate delle striscioline di circa 1 cm. Per fare gli strozzapreti dovrete arrotolare le strisce su loro stesse con entrambe le mani e poi tagliare via dei pezzi lunghi 3-4 cm.

Per il sugo, invece, ho usato questi ingredienti:

  • 100 g di salmone affumicato
  • 2 zucchine
  • Porro e finocchietto q.b.
  • Olio e sale

Cominciate tagliando le zucchine a striscioline corte e piuttosto spesse.

Fate lo stesso con il salmone affumicato.

Tagliate quindi il porro a quadratini piccolissimi, in modo che possano sciogliersi facilmente, poi mettetelo a scaldare in una padella, unendo un po’ di brodo. Dopo qualche minuto, aggiungete le zucchine, facendo attenzione che la parte liquida non si asciughi e, quindi, non bruci.

Dopo tre/quattro minuti, togliete le zucchine dal fuoco. Nel frattempo, ovviamente, l’acqua per la pasta è giunta in ebollizione ed è pronta a cuocerla. Buttate dentro circa 450 g di strozzapreti per tre persone e aspettate che risalgano in superficie (ci vogliono più o meno tre/quattro minuti) per tirarli su e finire la cottura in padella. A questo punto, aggiungete anche il salmone e la barba di finocchietto.

Aggiungete olio e sale (non troppo, il salmone è già salato di suo), fate saltare la pasta qualche volta, in modo da distribuire bene il sugo, quindi servite.

Buon Appetito! :)

One comment

  1. […] fare gli strozzapreti, seguite il metodo indicato qui. Cominciate sgusciando le mazzancolle, alle quali dovrete poi togliere anche, aiutandovi con un […]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *