Video: Christina Aguilera – Your Body

Gli ultimi anni della carriera di Christina Aguilera non sono stati proprio facilissimi. Mentre quella della rivale di sempre Britney procedeva senza soste, Xtina ha ha trovato sulla sua strada anche Lady GaGa. Ed è forse l’aver cercato una rivalità con Miss Germanotta ad averla particolarmente danneggiata, visto che avrebbe potuto andare avanti per la sua strada ed evitare di scendere su un ring in cui avrebbe inevitabilmente perso. Bionic era un album molto strano, con diverse chicche di un certo spessore (che conservo ancora sul mio iPod). La Aguilera poi aveva visto lontano e si era fatta scrivere parecchi pezzi da Sia, prima che tutti gli altri (Guetta, Flo Rida, Rihanna e compagnia cantante) si accorgessero del suo talento come autrice. Le uniche note stonate erano proprio le canzoni nate per scimmiottare lo stile della Germanotta, come Not Myself Tonight, singolo che non c’entrava davvero nulla con la maggior parte dell’album.

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=6cfCgLgiFDM]

Moves Like Jagger e la partecipazione come giudice a The Voice sono servite a riportarla sulla retta via, mentre Your Body, il nuovo singolo, ha tutte le potenzialità per diventare una hit. Prodotto da Max Martin e Shellback, può contare su un beat semplice ma efficace e su un testo alquanto “spinto”, che ci riporta direttamente ai tempi di Dirrty in una dimensione in cui Xtina si muove davvero bene. La voce è quella potentissima di sempre e il pezzo, che in mani altrui avrebbe corso il rischio di sembrare banale, qui diventa trascinante. Il video, invece, è molto GaGa-esque, ma non è affatto un male. Diretto dall’esperta Melina Matsoukas (sì, la stessa di Just Dance e di We Found Love di Rihanna), il clip sembra quasi uno spin-off di Telephone, tra pick-up ed esplosioni rosate, vernice al posto del sangue e un tripudio di colori, contrastati da una fotografia naturale e senza particolari eccessi. Io l’ho apprezzato molto, come la canzone. Ben fatto Xtina, adesso speriamo che l’album sia all’altezza delle aspettative.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *