Trailer: Playing for Keeps

Non sono assolutamente un fan di Gabriele Muccino, ma devo ammettere che i suoi film americani sono anni luce avanti alle cose che ha fatto in Italia (gli va però dato atto che L’Ultimo Bacio sia stato l’unico film italiano ad aver avuto un remake americano nell’ultimo decennio). Forse perché i produttori d’oltreoceano non gli permettono di utilizzare uno dei tratti distintivi del suo stile registico, quello di far urlare gli attori allo sfinimento, in nome di un iper-realismo alquanto opinabile. Non molti lo sanno, ma oltre a La Ricerca della Felicità e il sottovalutatissimo Sette Anime, il romano che parla come Daffy Duck ha diretto anche il pilot di una serie prodotta da Hugh Jackman, datata 2007 e intitolata Viva Laughlin!, durata però soltanto due puntate. Ricordo che il pilot, precursore di quello che poi avremmo visto in Glee e Smash, non era nemmeno malaccio. Forse è arrivato troppo presto, visto che se magari fosse arrivato un paio di anni dopo, non sarebbe stato cancellato così rapidamente. Se riuscite, comunque, recuperatelo.

Muccino è stato collegato a un discreto numero di progetti hollywoodiani (tra cui Passengers, una specie di Wall-E in versione umana, con Keanu Reeves come protagonista annunciato, la cui sceneggiatura è una delle cose più belle che abbia letto in vita mia) dopo Sette Anime, ma ha dovuto ripiegare su quello meno rischioso e, forse, più vicino alle sue corde. Playing for Keeps, precedentemente noto come Playing the Field, è una commedia romantica, con Gerald Butler come protagonista, nei panni di una ex-star del pallone che decide di allenare la squadra di calcio del figlio per tentare di rimettere in sesto la propria vita. Guardando il trailer noterete che nel film, oltre all’attore scozzese, sono presenti diversi nomi di rilievo, tra cui Jessica Biel, Uma Thurman, Judy Greer, Dennis Quaid e Catherine Zeta-Jones. La pellicola, che uscirà sia negli USA che in Italia tra la fine di Novembre e l’inizio di Dicembre, ha onestamente il potenziale per essere uno dei maggiori incassi del periodo natalizio. Non so perché, ma sono convinto che tutto sommato non sarà un brutto lavoro. Spero che vada bene, se non altro perché, così, terremo Muccino lontano dall’Italia ancora per un po’. :)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *